Il desiderio più grande di Domizia Vivaldi, dodicenne col pallino dell'ufologia, si avvera una calda notte di aprile quando, affacciata alla finestra della sua cameretta, scorge nel cielo uno strano oggetto luminoso.
Inizia da qui un'avventura indimenticabile che ci condurrà nei suoi risvolti fantascientifici e fiabeschi, ma anche sinistramente enigmatici.
Chi è davvero Ilsismi nove-quattro-uno, lo stralunato e gentilissimo alieno che ha prelevato Domizia? E Cinquecentesimi, un vagabondo dal passato terribile, cosa c'entra in questa vicenda? E Antonio Maria Vivaldi, scrittore di successo in perenne crisi esistenziale, riuscirà a riabbracciare sua figlia apparentemente svanita nel nulla?
Se la piccola Domizia scoprirà finalmente il mistero degli Ufo, e noi con lei, non è detto che mille altri misteri non siano destinati a restare in cerca di riscontro.
Perché come sempre nei romanzi di Coppola nulla è come sembra, e ogni domanda ha bisogno di attendere l'ultima pagina prima di trovare - forse - risposta.
Una storia nella storia nella storia, dove la vera protagonista è la speranza, o l'illusione, di sfiorare il significato stesso di vivere attraverso la scrittura.

 

 

 
 

 

 

«Dopo "Incandescente" Francesco Coppola torna al pubblico con "La costruzione del mattino". In poche pagine ritroviamo con piacere la cifra stilistica dell'autore: la capacità di coinvolgere e poi sorprendere con un gioco che si capovolge. Imprevedibile, imperdibile, una volta iniziate le sue pagine si entra in una dimensione avvolgente dalla quale non si vuole uscire»
(Tatiana Vanini, Libri e Recensioni
)

«un romanzo che va letto con attenzione perché capace di farci riflettere sull'indifferenza e la cattiveria del mondo, facendoci sentire meno soli quando attraversiamo momenti difficili della vita, senza dimenticare di farci sognare e farci vivere una bella avventura»
(Elena Antolini, Lalettricevorace)

«ho amato la straziante conclusione di questa storia, in cui lo stesso protagonista si pone domande così profonde da essere, forse, quelle che ciascuno di noi può porsi quando ci si rifà all'esistenza e alla profondità della vita e alle fragilità dell'essere umano»
(Raffaella Francesca Carretto, Les fleurs du mal)

«Ed è così che dalla geniale penna di Francesco Coppola, ci ritroviamo in un mondo fantastico, fiabesco popolato da singolari personaggi che ci accompagneranno in un viaggio temporale sbalorditivo...Con uno stile narrativo atipico, estroso, Francesco Coppola conduce, dapprima, il lettore in un universo fantascientifico, per poi addentrarsi nell’animo dei personaggi e studiare la drammaticità delle loro esistenze, a tratti con dettagli e descrizioni brutali di atti spregevoli e orribili. Ognuno di questi curiosi personaggi ha delle paure, delle insicurezze e la necessità di dover elaborare profonde riflessioni nel tentativo di trovare una soluzione.»
(Beatrice Castelli, La bottega dei libri)


leggi un estratto


cartaceo/ebook
disponibile presso tutti gli store digitali e le librerie fisiche


acquista direttamente dal sito dell'editore

© 2022